HOME

PORTFOLIOS

EXHIBITIONS

SCRIPTA

PHOTOVOGUE

ORIZZONTI KUBRICKIANI

       
       
       
       

Televendita

VIAGGIO IN ITALIA

INDAGINE SULLA REALTA'

   
   

Progetto realizzato sotto la guida di Francesco Jodice e Fondazione Fotografia di Modena.

30 anni dopo il rivoluzionario libro fotografico di Luigi Ghirri "Viaggio in Italia"

abbiamo cercato di gettare un nuovo sguardo alla realtà italiana.

Progetto realizzato sotto la guida di Vincenzo Castella e Fondazione Fotografia di Modena.

Ambientato in Emilia Romagna, nelle zone colpite dal terremoto del 2012.

   
   
   
   
Manicomio di Voghera

NAUFRAGI

ALIENS

   
   

Se c'è un luogo, al mondo, in cui puoi non pensare a nulla, quel luogo è qui.

Non è più terra, non è ancora mare.

Non è vita falsa, non è vita vera.

E' tempo.

Tempo che passa.

E basta...

 

Alessandro Baricco, “Oceano Mare”

Nel 1871 l'Amministrazione Provinciale di Pavia individuò nella periferia di Voghera

la zona più idonea per la costruzione dell'Ospedale Psichiatrico Provinciale.

Gli "alienati" (così venivano definiti gli ammalati psichici) che entravano qui difficilmente uscivano.

Fino all'introduzione delle moderne terapie psichiatriche,

erano considerati malati psichici anche i balbuzienti.

Spesso venivano ricoverate persone in modo che la famiglia potesse impadronirsi dell'eredità.

 

Il manicomio di Voghera è stato definitivamente chiuso nel 1998.

   
   
   
   
   
Lago d'Endine

EMAKI

 
 

La tradizione della striscia dipinta a sviluppo continuo di immagini e di parole nasce in India e arriva in Giappone, attraverso la Cina, nel sesto-settimo secolo d.C.

In Giappone l'emakimono, spesso chiamato semplicemente emaki, è un'opera di narrativa illustrata e orizzontale che univa testo e immagini ed era disegnato,

dipinto o stampato su rotoli di carta o di seta lunghi fino a 20 metri.

Vi venivano rappresentati paesaggi, amori, battaglie, concetti religiosi, storie popolari e racconti soprannaturali.

La forma del rotolo è strettamente legata alla filosofia zen: i luoghi della visione si "srotolano" davanti agli occhi dello spettatore

che può quindi spaziare libero al di fuori di ogni costruzione convenzionale, vagare con la mente in ogni luogo reale ed irreale, vicino o lontano.